Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Arditti Quartet

L’Arditti Quartet rappresenta insieme sia l’eccezione sia la regola. L’eccezione perché è il caso quasi unico – pochissimi lo hanno seguito su questa medesima strada – di un quartetto d’archi che ha intenzionalmente ignorato il repertorio classico e romantico. Non che non lo abbiano voluto affrontare. Semplicemente Irvine Arditti e i suoi sodali hanno ritenuto che l’impegno di un interprete nato e formatosi nel ventesimo secolo dovesse essere per l’appunto quello di dare spazio alla musica dei suoi giorni, e non solo a quella di un passato via via sempre più lontano. Impresa non facile, ma che ha ottenuto esisti davvero sorprendenti. Sono centinaia le opere composte proprio per il Quartetto Arditti, e il loro stile ha influenzato i compositori al punto che molte innovazioni tecniche nella scrittura per due violini, viola e violoncello (e per quei singoli strumenti) sono state proprio il risultato dell’impegno per così dire coordinato tra compositori e quartetto. Eccoci quindi alla regola: fin dai tempi di Boccherini il quartetto d’archi ha in molti casi generato il suo stesso repertorio. Ed è appunto quello che è accaduto con l’Arditti, che del Secondo Quartetto di Ligeti, ad esempio, è stato il primo interprete, poi portando su cd tutta l’opera del compositore ungherese per quartetto e duo d’archi (Sony Classical). Guardare al recente passato, Berg e Ravel, è quindi coerente con questa impostazione, tanto più che il dibattito su dove sia nato il Novecento musicale, se a Parigi o a Vienna, è ancora aperto.

 

ADIDAS leather

Titolo: Quartetto op. 3
Compositore: Alban Berg

Titolo: Quartetto n. 2
Compositore: György Ligeti

Titolo: Quartetto in fa maggiore
Compositore: Maurice Ravel

Biglietti
Gratis

Lascia un Commento

I Dettagli Dell'Evento