Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Fontanamix esemble – …la fin du temps

L’inaugurazione di MICO 2015, che avrà luogo non a caso nel Giorno della Memoria, non può che legarsi profondamente alla seconda guerra mondiale e all’Olocausto: anzi la pagina che domina il programma di questo concerto, il Quatuor pour la fin du Temps di Olivier Messiaen, ne costituisce addirittura una testimonianza dall’interno, nato com’è nel campo di concentramento di Görlitz, in Polonia, il 15 gennaio 1941. Un concerto all’aperto, sotto la neve, per il quale a Messiaen – che era prigioniero di guerra in quanto militare dell’esercito francese – viene chiesto di comporre un brano. Può contare su tre prigionieri: il clarinettista Henri Akoka, il violinista Jean le Boulaire ed il violoncellista Étienne Pasquier. A loro si aggiungerà lo stesso compositore seduto dietro un pianoforte di fortuna, malandato e vecchio, così come il violoncello, che di corde ne ha solo tre. Il riferimento all’Apocalisse di Giovanni, cui allude il titolo, unisce dolore e speranza, morte e rinascita. Commento a margine del capolavoro di Messiaen sarà l’improvvisazione in stile klezmer, che verrà realizzata utilizzando gli stessi materiali del Quatuor. Di tutt’altra natura Per viola, il lavoro della compositrice israeliana Betty Olivero, pagina di virtuosismo, nella quale le possibilità della viola – dal particolare timbro alla tecnica esecutiva, all’estensione dal grave all’acuto – vengono esplorate persino al di là dei limiti apparenti dello strumento.

EQT Support Boost

Titolo: Per viola (1993)
Compositore: Betty Olivero

Titolo: Improvisation d’après Messiaen in stile klezmer per quartetto
Compositore: Olivier Messiaen

Lascia un Commento

I Dettagli Dell'Evento