Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Francesco Dillon, Emanuele Torquati

Dopo Beckett, a un altro Premio Nobel è dedicato il concerto TRANCE-TRAUM, il cui sottotitolo recita: “suoni e parole intorno a Tomas Tranströmer”. Il legame fra il poeta svedese e la musica è intimamente rintracciabile sia nella sua biografia – in apertura ascolteremo la registrazione di un brano di Skrjabin da lui stesso eseguito al pianoforte – sia nella qualità musicale della sua scrittura poetica. Non è un caso che Dillon e Torquati abbiano scelto di farci ascoltare i testi poetici di Tranströmer dalla voce di alcuni compositori; uno scambio di ruoli (il poeta che interpreta al pianoforte Skrjabin e i compositori che danno corpo alla poesia con la propria voce) che ci racconta di come la composizione e la scrittura poetica possano essere fonti d’ispirazione reciproca.

New Balance zappos

Titolo: Preludio op. 9 per la mano sinistra (1894)
Compositore: Alksandr Skrjabin

Titolo: Schatten (2000)
Compositore: György Kurtág

Titolo: Allegretto (1887)
Compositore: Edvard Grieg

Titolo: Darknesse visible (1992)
Compositore: Thomas Adès

Titolo: Dalla Sonata in do maggiore op. 65: Dialogo (1961)
Compositore: Benjamin Britten

Titolo: Ai limiti della notte (1979)
Compositore: Salvatore Sciarrino

Titolo: Further in (2014)
Compositore: Silvia Borzelli

Titolo: La lugubre gondola R 468 (1882)
Compositore: Franz Liszt

Titolo: Postludium (1982)
Compositore: Valentin Silvestrov

Titolo: Da Kinderszenen op. 15: “Der Dichter spricht” (1838)
Compositore: Robert Schumann

Lascia un Commento

I Dettagli Dell'Evento