Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Ran Feng

Nel 1777, in viaggio da Mannheim a Parigi, Mozart componeva la Sonata in do maggiore KV 309, cercando di raffigurarvi la giovanissima allieva Rosina Cannabich. Una pagina brillante e virtuosistica per una fanciulla «assennata e intelligente e poco loquace» che dopo brevissimo tempo la eseguiva eccellentemente. La partitura rivive oggi sotto le dita di uno dei fiori all’occhiello dell’Accademia Pianistica “Incontri con il Maestro” di Imola: Ran Feng, la pianista cinese che, formatasi prima a Kiev e poi in Italia, ha ricevuto premi speciali in prestigiose competizioni internazionali, dal Concorso pianistico di Tbilisi, al Premio “Liszt” di Utrecht e di Weimar-Bayreuth. Specialista del compositore ungherese, Ran Feng ne propone due opere di grande impegno: Harmonies du soir, l’undicesimo dei celeberrimi Études d’exécution transcendante, e la Sonata in si minore, uno dei frutti più originali e inquieti dell’ingegno di Liszt.

NIKE

Titolo: Sonata in do maggiore KV 309
Compositore: Wolfgang Amadeus Mozart

Titolo: Sonata in si minore R 21
Compositore: Franz Liszt

Lascia un Commento

I Dettagli Dell'Evento