Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Valentina Coladonato, Walter Zanetti

In apertura, What is the Word di György Kurtág: scritto nel 1990 su testo di Samuel Beckett, è fra le più radicali forme di adesione della musica alla parola, una musica essenziale che trova la propria ragion d’essere proprio nell’identificazione con la parola. Un clima totalmente differente incontriamo nel Così parlò Baldassarre di Castiglioni, su testo di Baldassarre Castiglione, che ci conduce alla scoperta di un universo sottilmente ironico, nel quale la parola parlata e cantata dà corpo a un raffinatissimo mondo sonoro sospeso fra presente e passato. Passato che risuona nelle due opere di Sciarrino e nelle Lachrimae di Dowland, e presente che riemerge con Osmosi – I di Evangelisti. Un tributo alla parola e alla poesia popolare è infine quello che Federico García Lorca rende armonizzando le canzoni tradizionali spagnole, vestendo egli stesso i panni del compositore.

Apparel ebay

Titolo: What is the Word op. 30a per voce e pianoforte verticale - Un messaggio di Samuel Beckett (1990)
Compositore: György Kurtág

Titolo: Lachrimae – versione per chitarra (1604)
Compositore: John Dowland

Titolo: Mi credeva d’esser sola – canzona da battello per voce e chitarra (1997)
Compositore: Salvatore Sciarrino

Titolo: Così parlò Baldassarre per soprano solo (1980-81) - testo dal Il Cortegiano di Baldassarre Castiglione
Compositore: Niccolò Castiglioni

Titolo: Osmosis – I per chitarra ed elettronica (2015) PRIMA ESECUZIONE ITALIANA
Compositore: Nicola Evangelisti

Titolo: Cinque canzoni popolari spagnole (1931)
Compositore: Federico García Lorca

Lascia un Commento

I Dettagli Dell'Evento