Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Alessia Cecchetti

Diplomata in pianoforte a 18 anni con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio “F. Morlacchi” di Perugia, ha seguito corsi di perfezionamento (Accademia Musicale Pescarese, 2012; Accademia Pianistica di Imola, 2016; Accademia di Musica di
Pinerolo, 2017) e studia attualmente con M. Vacatello e con V. Balza-ni. Ha frequentato il Call for Young Performers con M.G. Bellocchio (2017, musiche di Kurtàg; 2018 musiche di Ligeti). Ha vinto numerosi concorsi nazionali e internazionali, tra cui il primo premio assoluto al “Città di Rieti” (2012), il primo premio al “Luigi Paduano” (2012), il terzo premio al concorso internazionale “Livorno Piano Competition” (2017). Ha partecipato a numerosi master, tra cui Gubbio Summer Festival (2006), Master Class del Mediterraneo per giovani pianisti (Sicilia 2006-07, con P. Rattalino), International Summer Piano Academy (isola di Poros, Grecia, 2009 e 2011; con Y. Bogdanov, K. Sakai, I. Jones). Nel 2017 frequenta, presso Villa Medici-Giulini, lezioni con J. Rose. Dal 2016 collabora con l’Ensemble Magazzini Babàr, nelle produzioni degli Amici della Musica di Perugia. Si è esibita in prestigiose sale da concerto tra cui Palazzo Gallenga, Teatro Morlacchi, Teatro Cucinelli, Teatro delle Muse, Università Chopin di Varsavia. Ai concerti solistici affianca un’intensa attività cameristica con il violinista F. Galieni e quella di Maestro Collaboratore. Sta lavorando a un CD con musiche di Kurtàg e Prokofiev. È docente di pianoforte presso l’Associazione musicale Ciro Scarponi (PG).

Nike

Condividi questo Artista
Lascia un Commento

Artista Dettagli
    Eventi dell'artista
    Potrebbero piacerti questi eventi.
    «Metto le mie dieci dita sulla tastiera e immagino la musica». L’altro piano di György Ligeti è un universo sonoro inesauribile, che si ispira a Scarlatti e Chopin come alla musica africana o al jazz. «Ma quello che compongo è...
    Passato