Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Kremerata Baltica

La Kremerata Baltica è stata fondata nel 1997 da Gidon Kremer ed è attualmente uno degli ensemble europei più ricercati sulla scena internazionale. L’obiettivo di Gidon Kremer è quello di trasmettere la sua vasta esperienza musicale a giovani artisti dei paesi baltici e allo stesso tempo promuovere ed ispirare la nuova vita musicale indipendente di quei paesi. Principale occupazione della Kremerata Baltica è promuovere attività musicali innovative ed intense. La Kremerata Baltica tiene circa sessanta concerti all’anno e, a molti di questi, partecipa lo stesso Gidon Kremer. Oggi, dopo dieci anni di esperienza, la Kremerata Baltica è riconosciuta a livello mondiale. In aggiunta l’orchestra viene spesso invitata ai Festival più prestigiosi come quello di Dresda, Rheingau, dello Schleswig-Holstein, Montpellier, Verbier,  Festival della Primavera di Praga, Salzburger Festspiele ed ai BBC Proms di Londra. In tournée la Kremerata Baltica è apparsa con solisti e direttori del calibro di Jessye Norman, Oleg Maisenberg, David Geringas, Boris Pergamenschikow, Tatiana Grindenko, Sir Simon Rattle, Christoph Eschenbach, Kent Nagano, Saulius Sondeckis, Andrey Boreyko, Roman Kofman e Vladimir Ashkenazy. Le Tournée delle prossime stagioni prevedono collaborazioni con artisti quali Piotr Anderszewski, Evgeni Kissin ed Heinrich Schiff.

L’orchestra è molto impegnata sul fronte della musica contemporanea e, accanto alle prime esecuzioni o alle commissioni richieste a Pärt, Kancheli, Vasks, Desyatnikov e Raskatov, esegue opere di Schnittke, Gubaidulina, Enesco e Piazzolla. Nell’ambito discografico l’orchestra ha collaborato con la casa discografica Nonesuch, e prodotto due registrazioni con musiche di Piazzolla: “Eight Seasons”, che contiene le Stagioni di Vivaldi e di Piazzola, e “Tracing Astor”, un omaggio al grande compositore argentino. Hanno fatto seguito: “Silencio”, affascinante accostamento di opere contemporanee di Pärt, Glass e Martynow e “After Mozart” (Grammy Award nel febbraio 2002). Il “Süddeutsche Zeitung” ha commentato, dopo un concerto dell’ensemble al Festival di Lockenhaus: “Raramente si può assistere ad un’interpretazione musicale come questa!”, mentre la rivista Britannica “Strad” ha scritto, dopo un’esibizione ai Proms: “Kremer ed i suoi musicisti posseggono non solo una notevole virtuosità ma anche autentico piacere derivato dal fare musica”.

 

 

SNEAKERS

Condividi questo Artista
Lascia un Commento

Artista Dettagli
    Eventi dell'artista
    Potrebbero piacerti questi eventi.
    L’idea di trascrivere per ensemble più o meno grandi (o più o meno piccoli) grandi sinfonie non è certo caratteristica del Novecento. Anzi, trascrivere e rielaborare è arte fondativa della storia della musica occidentale: passare da una compagine all’altra, magari...
    Passato