Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Grigory Sokolov

 

Considerato uno dei massimi pianisti di oggi, Grigory Sokolov è artista ammirato per la sua introspezione visionaria, la sua ipnotica spontaneità e la sua devozione senza compromessi alla musica. Nato a San Pietroburgo, ha intrapreso gli studi musicali all’età di cinque anni, e due anni più tardi ha cominciato gli studi con Liya Zelikhman alla Scuola Centrale Speciale del Conservatorio della sua città. Il suo prodigioso talento è stato riconosciuto nel 1966 quando, a soli sedici anni, è diventato il più giovane musicista di sempre a vincere il Primo Premio al Concorso internazionale “Čajkovskij” di Mosca. Mentre Sokolov intraprendeva grandi tour di concerti negli Stati Uniti e in Giappone negli anni Settanta, il suo talento si è evoluto ed è maturato lontano dai riflettori dei media internazionali. In seguito al collasso dell’Unione Sovietica, ha cominciato ad apparire con maggiore frequenza nelle sale da concerto e nei principali festival europei, esibendosi con le maggiori orchestre, tra cui New York Philharmonic, Royal Concertgebouw di Amsterdam, Philharmonia di Londra, Orchestra del Teatro alla Scala, Orchestra Sinfonica della Radio Bavarese e Orchestra Filarmonica di Monaco, prima di decidere di dedicarsi esclusivamente al recital per pianoforte solo. 

http://www.grigory-sokolov.com/

Tubular Doom Sock

Condividi questo Artista
Lascia un Commento

Artista Dettagli
    Eventi dell'artista
    Potrebbero piacerti questi eventi.
    La “leggenda” Grigory Sokolov, il cui programma, come sempre profondamente meditato, verrà annunciato il prossimo autunno.   Recital
    Nell’ormai lontano 1966 Grigory Sokolov è ancora un brillante studente del Conservatorio di Leningrado. A tal punto brillante, però, che decide di affrontare uno dei concorsi pianistici più impegnativi dell’intero panorama internazionale: il “Čajkovskij”. Peraltro quell’anno il presidente della giuria...
    Passato